Sogni ricorrenti.

Andare in basso

Sogni ricorrenti.

Messaggio  Randolph Carter il Lun Gen 04, 2010 3:17 pm

Postate qui i vostri sogni ricorrenti.
Possibilmente indicate la data e il luogo e la durata/quantità della ricorrenza (anche approsimativi) in cui è avvenuta l'esperienza onirica.
Grazie.
avatar
Randolph Carter
Admin

Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 04.01.10
Età : 35
Località : Firenze

Visualizza il profilo dell'utente http://archiviodeisogni.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

fratello maggiore

Messaggio  Brynn Andersen il Dom Feb 14, 2010 7:06 pm

Ciao, di sogni ricorrenti ne faccio tantissimi.
Oggi illustrerò quello a tema più recente.
E' un mese e mezzo che sogno ogni notte mio fratello maggiore.
Il problema è che io non ho un fratello maggiore...
Mi assomiglia, ha gli stessi lineamenti (anche se ha un fisico sportivo: io ho qualche chilo di troppo ^^) è biondo-castano con gli occhi verdi (i miei sono nocciola) e i capelli mossi.
Nel primo sogno gli compaio davanti fluttuando e gli dico:
"Hei fratellone, dove sei? Sei cattivo, avevi promesso che saremmo stati sempre assieme e ci saremmo sempre reincarnati assieme, perchè mi hai lasciata sola? Ho dovuto affrontare tutto questo da sola, adesso ho conosciuto mio marito, però fino a quel momento mi sentivo persa".
Inutile dire che il tipo è un po' perplesso, anche se c'è una certa espressione di riconoscimento in come mi guarda.
Nel secondo sogno mio fratello è con amici in vacanza in Marocco, e sta gironzolando tra i mercatini tipici di spezie, cuoio, incensi.
Gli compaio davanti e continuo a insistere:
"Hei fratellone, mi manchi tantissimo, perchè non mi hai aspettata? Dove sei?"
Nella terza versione sono con un gruppo di amici (che non riconosco) in mezzo a una giugla dove vi sono dei prefabbricati, e so che devo fare irruzione per andare a salvarlo dato che è circondato da persone che gli vogliono fare del male o da alieni, non ricordo bene...
Poi ci sono molte altre versioni in cui gli parlo e mi parla anche lui chiamandomi sorellina, ma non ricordo i dettagli.
In uno mi compare lo spirito di mia madre morta da tempo che mi dice:
"Ormai avrai capito che non sei veramente mia figlia e che hai un fratello..."
Io capisco che non intende in senso biologico, in senso biologico sono sua figlia (purtroppo, dato che non avevamo un buon rapporto e non mi sarebbe dispiaciuto esser stata scambiata in ospedale), sua e di mio padre, ma intende in senso "spirituale" nel senso di anima, spirito, entità.
E qua c'è l'ultima versione davvero dettagliata e che illustra quanto la mia mente sia malata gh ^^
Ero in una cappella e c'era un prete che mi diceva:
"Questa è la tua settima incarnazione, ne hai a disposizione ancora solo una per completare la tua missione"
E io gli rispondevo:
"Una è sufficiente"
Al che il prete/cattivo/nemico (io lo percepivo così) mi rispondeva:
"Non credo proprio, appena lascerai questo corpo colpirò e distruggerò la tua anima"
"Provaci pure, lo dite sempre e non ci riuscite mai, avete una pessima mira"
Al che provava a intimorirmi vedendo la mia risolutezza (notare che spesso nei sogni sono molto sicura di me, invincibile, nella realtà invece sono spesso insicura, pasticciona e imbranata):
"Trovi che incarnarsi sia così bello? Non sarebbe meglio rimanere con chi ami? Dove sono i tuoi amici? Dov'è tuo fratello? Non ti manca?"
E io gli rispondevo risoluta senza esitazioni:
"Alcuni sono qua con me, altri sono altrove a compiere le loro missioni"
E lui (sempre più incazzato dato che non riusciva a convincermi)
"Vi ostacoleremo, non avrete scampo, siamo dappertutto, in ogni mondo anche se sotto parvenze diverse"
E io:
"Fate pure, siete destinati a fallire, siete patetici".
Particolare interessante al centro della cappella c'era una sorta di enorme semisfera tipo planisfero ma con disegnata la volta celeste, e specchiandomi mi vedevo nuda ma con la pelle blu, tipo i santini del pantheon vedico, e il prete (vesti cattoliche) cattivo mi diceva:
"Il riflesso che vedi è solo uno degli aspetti della tua anima".
A ciò aggiungo che mercoledì scorso, dopo aver fatto uno di quei sogni fumosi dove parlavo con mio fratello di cui non ricordo il contenuto, mi son svegliata con un senso di nostalgia assurda.
Sentivo addirittura una pressione al petto, una fitta, come quando soffri per amore o per amicizia.
Sono andata avanti così tutto il giorno.
La cosa è assurda... come si può provare nostalgia per una persona che non esiste? O_o'

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

profumeria

Messaggio  Brynn Andersen il Sab Feb 20, 2010 12:39 am

Sogno spesso di andare in profumeria a cercare un profumo che non esiste.
Nel sogno però ricordo la marca (non la so ripetere, me la dimentico), la fragranza e la boccetta.
Nei sogni questo profumo esiste, nella realtà no.
Assieme a questo, sugli scaffali compaiono tutti i profumi che amavo nella realtà e che non si trovano più in vendita.

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Diploma di maturità.

Messaggio  Brynn Andersen il Mar Feb 23, 2010 7:19 pm

Sogno spesso che devo rifare l'esame di maturità in quanto a mia madre non va bene il voto che ho conseguito all'epoca giudicandolo troppo basso.
A quanto mi è sembrato di capire parlando con amici, il sogno dell'esame di quinta è un classico dell'inconscio collettivo ^^

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Sogni ricorrenti.

Messaggio  Elyann Valyont il Ven Mar 05, 2010 10:36 am

Stanotte ho fatto un sogno strano, ricordo solo qualche "fotogramma" però mi ha ricordato un'immagine ricorrente in alcuni sogni: sono in strada e cammino, ad un certo punto l'asfalto inizia a sgretolarsi sotto i miei piedi. Inizio a correre ma non riesco a mettermi in salvo nè a cadere nella voragine che man mano si espande dietro di me... E' come se man mano, correndo, riesco solo a percorrere quei centimetri che mi permettono di non cadere ma non abbastanza da superare di molto il crollo... pale

Elyann Valyont

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 23.02.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Sogni ricorrenti.

Messaggio  Brynn Andersen il Ven Mar 05, 2010 11:17 am

Elyann Valyont ha scritto:Stanotte ho fatto un sogno strano, ricordo solo qualche "fotogramma" però mi ha ricordato un'immagine ricorrente in alcuni sogni: sono in strada e cammino, ad un certo punto l'asfalto inizia a sgretolarsi sotto i miei piedi. Inizio a correre ma non riesco a mettermi in salvo nè a cadere nella voragine che man mano si espande dietro di me... E' come se man mano, correndo, riesco solo a percorrere quei centimetri che mi permettono di non cadere ma non abbastanza da superare di molto il crollo... pale

wow Ely, ieri hell ha sognato le stesse voragini seppure in un contesto diverso e io oggi ho sognato di percepire la terra che tremava e il battito del cuore del pianeta O_o'
mi sa che i nostri inconsci hanno registrato gli stessi messaggi elaborandoli in maniera diversa

http://archiviodeisogni.forumattivo.com/sogni-f3/diario-dei-sogni-t11-15.htm#89

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

entità incorporee che mi braccano

Messaggio  Brynn Andersen il Sab Mar 27, 2010 8:50 pm

Dunque, questo sogno inquietante e ricorrente ha accompagnato tutta la mia adolescenza
(imparai a conviverci cmq).
Non ricordo se iniziai a farlo verso i 10 o verso i 12 anni, fattostà che quando iniziai lo feci tutte le notti, sino ai 20-22 anni d'età.
Il sogno avveniva sempre attorno alle 3 della mattina, spesso coincideva anche il minuto in cui mi svegliavo di soprassalto (adesso non ricordo più l'orario esatto).
Comunque si svolgeva così:
Ero da sola, vestita con un abitino bianco, galleggiavo in un mondo completamente vuoto e grigio, come nebbioso.
Non c'era nulla eppure mi spostavo, sapevo di muovermi anche se non avevo punti di riferimento.
Ero angosciata: sapevo di essere braccata da moltissime creature, erano malvagie e volevano farmi del male, dovevo scappare.
A un certo punto però mi raggiungevano, le vedevo, erano incorporee ma tuttavia consistenti, comunque mi aggredivano.
Capendo di non avere più speranze e temendo che fosse arrivata la mia fine mi rannicchiavo in me stessa sedendomi e stringendo le ginocchia alla vita, e dicevo per darmi coraggio:
"Io credo nell'amore, nella vita e nel bene."
E lo ripetevo come un mantra.
A un certo punto le creature mi erano addosso: uno spavento totale.
Come mi toccavano però dal mio corpo esplodeva una devastante energia che le distruggeva.
Poi mi svegliavo di soprassalto.
Credo che questo sia in assoluto il sogno che ho fatto più spesso per tutta la vita.
Per fortuna poi smisi di farlo, accadde così, di punto in bianco, esattamente come era iniziato una decina di anni prima.
Però poi i sogni si trasformarono da "vittima braccata" a "combattimenti".
In effetti ho iniziato a fare sogni in cui combatto da quando ho smesso di fare sogni in cui ero inseguita.
Bho?
Il risultato comunque è simile... che scappi o che combatta mi sveglio sempre estremamente stanca.

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Sogni ricorrenti.

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum