Mappa del mondo onirico

Andare in basso

Mappa del mondo onirico

Messaggio  Randolph Carter il Lun Gen 04, 2010 3:32 pm

La mappa del mondo onirico è un tentativo di scoprire se esistono luoghi comuni a più sognatori.
Se avete visitato un luogo in sogno che non avete mai visitato nella vita reale, postatelo qua con il maggior dettaglio possibile.
Se ricoscete un luogo che avete sognato o visto nella vita reale, rispondete all'utente che ha postato il luogo.
Grazie.
avatar
Randolph Carter
Admin

Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 04.01.10
Età : 36
Località : Firenze

Visualizza il profilo http://archiviodeisogni.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Mappa del mondo onirico

Messaggio  Brynn Andersen il Ven Feb 12, 2010 7:10 pm

ciao, ho trovato questo forum proprio cercando con google la chiave "mappa del mondo onirico"
io credo che una sorta di mappa esista, anche se non so dire se sia una mappa di tipo soggettivo (il mondo onirico così come lo percepisco io) o oggettivo (il mondo onirico percepito da tutti in modo simile)
ad esempio io sogno spesso la città nella quale vivo
devo dire che in sogno, anche a distanza di anni, il suo aspetto, i suoi luoghi e le sue caratteristiche sono sempre uguali (anche se diverse da quelle del mondo reale)
per fare un esempio: in una piazza c'è una galleria con un ristorante, nel sogno invece, questa galleria ha anche una scalinata che conduce a dei cunicoli sotterranei che portano al mare
il luogo l'ho sognato più e più volte nel corso di diversi anni

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

cascate dal cielo

Messaggio  Brynn Andersen il Ven Feb 12, 2010 7:51 pm

Diverse volte ho sognato un luogo meraviglioso, con delle montagne altissime, e delle cascate d'acqua che scendevano direttamente da alcune nuvole nel cielo riflettendo mille arcobaleni ^^
Devo dire che quel posto era talmente bello che nel sogno mi sono messa a piangere commossa da tanto splendore, e al risveglio la sensazione non mi ha affatto abbandonata

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Mappa del mondo onirico

Messaggio  Randolph Carter il Dom Feb 14, 2010 4:15 pm

La mia teoria è che esistano tanti luogh onirici che hanno una loro geografia, un loro ecosistema, una loro società che non risponde alle leggi della nostra realtà.
Sul perchè di questo fatto, sono scettico : probabilmente è un parto della nostra mente. Forse no.
Però molte persone sembrano accedere, occasionalmente, a dei luoghi "paradisiaci".
Di solito sono inaccessibili e danno al visitatore una sensazione di pace disarmante, di estasiata bellezza.
Credo che la creazione del mito dell' Eden o del paradiso sia stata influenzata da queste esperienze.
E probabilmente anche quella di "inferno".
Esiste infatti anche la controparte negativa a questi luoghi, e spesso è accompagnata da una figura umanoide che dà l'idea di essere "il capo del luogo".
Da qui forse il mito del "diavolo".
Purtroppo i dati a riguardo sono ancora troppo pochi anche solo per formulare un ipotesi.
avatar
Randolph Carter
Admin

Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 04.01.10
Età : 36
Località : Firenze

Visualizza il profilo http://archiviodeisogni.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Mappa del mondo onirico

Messaggio  Brynn Andersen il Dom Feb 14, 2010 6:24 pm

mmmmm ho sognato spesso creature o entità che definiremmo demoniache, però non erano mai collocate in un contesto geografico-ambientale preciso...
di solito nei sogni li vedo in una sorta di "vuoto" infinito di colore grigio scuro, dove ci si muove con la solo volontà di spostarsi, ma senza punti di riferimento dato che c'è solo vuoto

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

altro luogo che mi ha colpita: la città blu

Messaggio  Brynn Andersen il Lun Feb 15, 2010 12:12 pm

Ho sognato diverse volte quella che io chiamo la città blu o la città delle stelle.
So che sono là di passaggio, quella non è una città alla quale appartengo ma sono là con uno scopo ben preciso.
E' sul mare (il mare nei miei sogni c'è nel 99% dei casi) ed è notte, il cielo è talmente stellato che a vedere tutte quelle luci luminose viene quasi da piangere per la bellezza che risalta.
Le case sono costruite tutte con un'architettura graco-cicladica (tipo Santorini per intenderci, l'ho capito solo questo autunno quando ci sono stata per la prima volta ^^) però non sono bianche ma sono tutte blu, di un blu che splende perchè rifulge la luce delle stelle.
Avvicinandosi si capisce che i muri sono tutti in un materiale che sembra lapislazzulo, è come se le case fossero state costruite e intagliate in blocchi di lapislazzuli.
Al centro della città sorge una costruzione più alta delle altre di circa due piani in più.
E' stretta e alta, come una torre.
E' la biblioteca.
So che devo andare là a prendere qualcosa, all'ultimo piano.
All'interno c'è una scala di legno a chiocciola, ma non la percorro a piedi.
Se mi alzo in volo seguendo le spirali della scala faccio prima e se il legno cedesse non rischierei di cadere.
Così inizio a volare e a salire seguendo la scala, ma con mio stupore, pur vedendo da fuori solo due piani in più delle altre case, la scala sembra non terminare mai, è come se all'interno della costruzione lo spazio fosse dilatato.
Man mano che salgo la scala si restringe, a un certo punto guardo verso l'alto, vedo che non finisce mai e che non riuscirò ad arrivare all'ultimo piano.
Nella prima versione mi sveglio.
Nella seconda versione invece esco dalla costruzione e me ne vado in taverna con i miei amici (sempre blu, la taverna, non gli amici, gli amici non li conosco ma nel sogno invece si ^^) al fine di mangiare bere, discutere e trovare una soluzione dato che quella cosa che stiamo cercando ci serve.

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Mappa del mondo onirico

Messaggio  Randolph Carter il Mer Feb 17, 2010 2:22 am

Molto interessante, sopratutto la concentrazione di stelle.
Il nostro sistema solare, e più in generale, il nostro gruppo di stelle (il cosidetto "ammasso locale") è situato in uno dei due bracci della galassia, ai margini di essa quindi.
E un ipotetico osservatore, nella maggior parte dei punti di questa galassia, vedrebbe un cielo ben diverso dal nostro, costellato da stelle circa 1000 volte più numerose.
avatar
Randolph Carter
Admin

Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 04.01.10
Età : 36
Località : Firenze

Visualizza il profilo http://archiviodeisogni.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

isole tropicali al polo nord

Messaggio  Brynn Andersen il Sab Feb 20, 2010 12:36 am

Sogno spesso delle isole tropicali tipo Polinesia che raggiungo in aereo.
Hanno le spiaggie bianchissime, la laguna cristallina e al centro una ricca vegetazione tipo foresta pluviale con specie animali che non esistono nella realtà.
La cosa particolare è che nei sogni le posiziono vicino al Polo Nord.

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

la città di Thera

Messaggio  Brynn Andersen il Ven Mar 05, 2010 11:19 am

l'ho già sognata almeno due volte credo...
ecco il link del sogno di stanotte

http://archiviodeisogni.forumattivo.com/sogni-f3/diario-dei-sogni-t11-15.htm#89

Per praticità lo riporto anche:

Sono con mio fratello, sbarchiamo da una sorta di piccolo traghetto-imbarcazione su un'isola.
L'isola è di aspetto cicladico, il mare è blu cobalto, la vegetazione e le rocce sono tipiche delle isole greche, mi ricorda un po' Santorini ma non è Santorini, è diversa, più piccola e raccolta, so che l'isola è chiamata dai suoi abitanti Thera (NB: cercando con google stamattina salta fuori che Thera era proprio l'antico nome di Santorini).
Mettendo piede sull'isola mi rendo conto di tre cose:
1- Ho ancora in testa la ghirlanda di fiori che mio fratello mi ha intrecciato (vedi sogno notte precedente).
2- La terra nel mondo esterno sta tremando (mi riferisco alla "realtà" come mondo esterno), la percepisco, so che non smetterà e in lontananza sento anche il battito del cuore del pianeta.
3- Sono già stata qui almeno un'altra volta, riconosco le case che si vedono in lontananza.
L'architettura dell'isola è molto singolare.
La popolazione di Thera vive immersa nella natura, il villaggio raccolto che si vede in lontananza è edificato in modo unico al mondo.
Le costruzioni sembrano dei gazebo, di colore bianco, ma in pietra (credo alabastro).
Praticamente hanno base quadrata, quattro colonne agli angoli di quelle a forma di spirale e un tetto a cupola, arrotondato, appoggiato sulle 4 colonne.
Attorno alle colonne dalla terra salgono dei rampicanti molto belli con dei fiori lilla, azzurri e rosa, ogni casa ha un tipo di fiore/rampicante di un solo colore.
Il paesaggio è stupendo e anche il cielo assume mille tonalità diverse, un po' tipo il fenomeno dell'aurora boreale, però invece di essere in scala di verdi e blu è in scala di arancioni rossi e viola su sfondo azzurro.
Noto che ci sono diverse persone che non appartengono al luogo: turisti.
Alcuni sono in viaggio di nozze, altri sono là per celebrare il loro matrimonio, alcuni invece sono là per riposarsi e scaricare lo stress dato che il villaggio ha dei ritmi molto lenti e pacifici.
Io e mio fratello non siamo là per nessuno di questi tre motivi.
Al centro della città si innalza una costruzione diversa (anche se fatta dello stesso materiale), stretta e alta, è una sorta di torre dell'orologio, campanile, meridiana, non ricordo bene.
Questa costruzione è un potente artefatto che esiste dalla notte dei tempi, Thera è sorta attorno ad esso.
I suoi poteri sono connessi col tempo, non il tempo atmosferico, ma il tempo inteso nel senso di Chronos.
Io e mio fratello siamo là perchè abbiamo bisogno di fare qualcosa al tempo e dobbiamo utilizzare l'artefatto.
Non ci andiamo subito però: siamo appena arrivati e c'è un mercatino delizioso che vende della frutta e dei dolcetti fantastici!!! Ci sono anche i fruttini di marzapane ^^
Così decidiamo di andare a fare shopping, la missione può aspettare.
Ce ne andiamo a zonzo tra le bancarelle e vedo che la gente ci guarda e ridacchia.
Non per prenderci in giro, ridacchia con fare complice e malizioso e non capisco perchè.
Capisco però che ci hanno riconosciuti.
Comunque nonostante questa situazione imbarazzante la popolazione è gentile e cordiale e compro un sacco di cose.
Offro della frutta sconosciuta ma appetitosa (che nella realtà non esiste credo) a mio fratello e ne mangio un po' anch'io.
Poi dato che il posto è troppo bello decido di fare delle foto ma non ho dietro la macchina fotografica, così utilizzo la camera del cellulare (che è uguale al mio reale, un Nokia rosa).
Inizia subito a fare buio, il mercatino chiude e la gente si affretta a ritornare alle proprie case.
Mio fratello mi dice:
"Qui il sole scompare alle 6 del pomeriggio e la gente si rintana nelle proprie case perchè la notte fa davvero buio. E' costume di questa popolazione non utilizzare nessun tipo di fonte di luce artificiale dopo che è calato il sole, non accendono nemmeno i fuochi. Non ci conviene decisamente andare in giro per l'isola durante la notte. Inoltre non sembra ma durante la notte qua fa davvero freddo."
Dicendo questo mi passa il braccio destro attorno alla vita e mi cinge con fare protettivo.
Mi tiene così per un po' e mi dice:
"Vieni sorellina, andiamo a prenderci una stanza".
Andiamo quindi alla reception di quello che dovrebbe essere un albergo, costruito nella stessa maniera delle altre case, e l'albergatore consegna una chiave a mio fratello (in sogno mi pare tutto corretto ma nella realtà non capisco il perchè delle chiavi dato che le costruzioni sono tutte aperte, credo sia una sorta di gesto simbolico), ci dirigiamo verso la nostra stanza e nel frattempo il buio diventa completo.
Poi mi sveglio.

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il ponte dell'arcobaleno?

Messaggio  Brynn Andersen il Lun Mar 08, 2010 11:24 am

L'ho sognato solo una volta stanotte ma il luogo mi è sembrato antichissimo e interessante, inoltre l'ho riconosciuto, nel senso che sapevo il suo nome, quindi secondo me val la pena di segnarlo sulla mappa ^^

http://archiviodeisogni.forumattivo.com/sogni-f3/diario-dei-sogni-t11-15.htm#98

Per praticità di lettura riporto anche il sogno

Sono ancora nel boschetto ma mio fratello non c'è.
Sono sempre seduta sul muschio curativo che sta ancora emanando le sue proprietà risananti.
A un certo punto mi accorgo di essere guarita completamente e me la godo oziando e osservando la natura: adoro grattarmi e non fare niente dalla mattina alla sera ^^
Si materializza un gattino, so che è uno dei miei due amici gattini (sono gli stessi del 4 sogno della notte del 3 marzo per l'esattezza, adesso ricordo anche i colori, nel sogno precedente non li avevo ricordati, sono uno bianco e uno brown tabby e per la precisione nel sogno precedente era quello bianco ad avermi dato i colori con cui ho disegnato il mare).
Il gattino brown tabby mi salta in grembo e mi si arrampica fino al viso facendo purr purr e strusciando il suo musino contro il mio.
Mi da anche delle leccatine.
Io lo coccolo, gli do tanti bacini, lo spupazzo.
A un certo punto capisco che vuole andare a fare un giro e mi alzo, però continuo a tenerlo in braccio perchè è pigro come me.
Vuole essere portato a spasso da questa posizione.
Così faccio una passeggiata nella foresta circostante e imbocco un sentiero (dalla radura partono diversi sentieri dai diversi punti cardinali, anche se non formano una figura geometrica, paiono irregolari e molto naturali).
Alla fine del sentiero arrivo sull'orlo di uno strapiombo, ma da esso si innalza una sorta di
sentiero sospeso/arco/ponte/scala (è tutte queste cose assieme) che io riconosco come "il ponte dell'arcobaleno" (adesso che sono sveglia penso, visto che ho un gattino in braccio, di essere stata influenzata dalla leggenda del ponte dell'arcobaleno che si trova sui siti degli allevatori di gattini: il ponte che varcano le anime dei mici per andare in paradiso che poi un giorno ritroveremo... e dire che non ci ho mai creduto poichè io penso che le anime si reincarnino subito seguendo un ciclo continuo, e l'unico modo che hai per ritrovare chi hai amato è in un'altra vita, di sicuro non in un altro piano dove starai là per l'eternità).
Il ponte dell'arcobaleno è fatto di un materiale strano: sembra in cristallo che riflette la luce trasformandola in mille colori sfavillanti (da li il nome credo).
Sembra inoltre vacillare ed essere solidissimo allo stesso tempo, una cosa stranissima.
L'idea è quella dei miraggi nel deserto, o della realtà vista attraverso una fonte di aria calda: le immagini tremolano e paiono inconsistenti.
Inoltre capisco che non è fatto nè di materia nè di energia (esiste in fisica un qualcosa che sia l'incrocio tra le due cose?) ma è entrambe le cose allo stesso tempo e anche una via di mezzo.
Osservo dove va a finire e vedo che collega il punto dove sono io con un castello.
Il castello è enorme, più alto che largo, di colore scuro, sembra fatto di ossidiana, e ai lati ha tante torri altissime circolari dal tetto conico.
Capisco che posso salire quando voglio, e in effetti sarei tentata di andare a vedere il castello, ma poi penso che quando il fratellone ritorna, se non mi trova si preoccuperà molto vista anche la mia attuale tendenza di cacciarmi nei guai. Decido quindi di tornare nella radura e percorro il sentiero nel verso opposto con il micino in braccio.

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il Lakshmi

Messaggio  Brynn Andersen il Mar Mar 09, 2010 11:22 am

ecco un altro luogo paradisiaco ^^

vedi sogno notte del 9 marzo 2010

http://archiviodeisogni.forumattivo.com/sogni-f3/diario-dei-sogni-t11-30.htm

lo riporto per praticità

Sono nella solita radura dei sogni precedenti, mi faccio un giretto nella foresta e imbocco uno dei sentieri.
A un certo punto compare un arcobaleno (non la struttura descritta nel sogno precedente, proprio un arcobaleno normale).
Decido di camminare nella direzione che mi indica ed entro in un luogo stupendo e meraviglioso.
Conosco questo luogo, so come si chiama, mi dico:
"Sono nel Lakshmi".
Il posto sembra una foresta esotica dove predominano i colori bianco, crema, rosa e porpora, è pieno di fiori tropicali come ninfee e orchidee, ci sono molti ruscelletti e laghetti, nell'aria c'è un profumo stupendo.
Capisco che è da questo luogo magico che la Terra attinge potere durante gli antichi riti di fertilità.
Il luogo comunica sensazioni di pace, prosperità, fertilità, vita, abbondanza.
Decido di cercare mio fratello poichè percepisco la sua presenza.
E' una situazione strana: percepisco la sua presenza dappertutto ma non so dove sia materialmente, capisco che oltre ad essere qua "fisicamente" rifugia in questo luogo parte della sua essenza anche quando è altrove.
Mi addentro quindi nel posto cercandolo e godendomi lo spettacolo magnifico della natura in fiore: il luogo è sicuro, protetto, so che nessuno che non gli appartenga può metterci piede, indipendentemente da quanto questi sia potente, il Lakshmi non può essere violato.
Come penso questo, vedo un gruppo di tizi spaparanzati su un prato intenti nelle loro faccende, e cioè non fare nulla ^^
Stanno oziando e se la stanno godendo.
Sono vestiti di color porpora-rosato e crema, con delle tuniche stile antica grecia, però hanno i capelli chiari e la carnagione chiara, sono tutti maschi.
Capisco che sono i guerrieri di mio fratello (temo di essermi fatta influenzare da Saint Seya - i Cavalieri dello Zodiaco lol ^^) e sono a guardia del luogo, anche se non servirebbe.
Come passo e li guardo mi riconoscono e mi fanno un rispettoso cenno del capo.
Li saluto anch'io con lo stesso rispettoso gesto, so che son guerrieri valorosi, e vado avanti.
A un certo punto inizio a percepire anche la mia essenza tutta attorno a me, è più flebile di quella di mio fratello ma c'è.
E' una sensazione strana quella di percepire me stessa dentro e fuori dal corpo allo stesso tempo.
Capisco che questo luogo appartiene anche a me, e che io appartengo a questo luogo: non sono stata invitata, c'è proprio un legame tra luogo e anima, è come se il luogo esistesse perchè alcuni infondono là parte delle loro essenze facendolo esistere, e allo stesso tempo, esistendo, il luogo protegge queste essenze e utilizza i suoi poteri per vivificare il pianeta, il mondo esterno.
Come capisco questo mi sveglio.

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

la piana della battaglia

Messaggio  Brynn Andersen il Ven Mar 12, 2010 10:31 am

Sogno spessissimo (vedi innumerevoli descrizioni nella sezione "diario dei sogni") una piana estesissima.
E' completamente verde, coperta di erba freschissima, rispuntata da poco, i cui fili sono pieni di rugiada.
Nella piana a volte affronto gli innumerevoli nemici da sola, a volte assieme a mio fratello (quello famoso che non esiste X_x) e a volte assieme a noi c'è anche molta altra gente che nella realtà non conosco ma nel sogno si, da molto tempo, anzi, oserei dire che li conosco da sempre.
Non è un' indiscriminata lotta di massa: indipendentemente dagli alleati presenti le fazioni sono sempre solo due, la mia e quella dei miei nemici.

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

la foresta pietrificata

Messaggio  Brynn Andersen il Mar Mar 16, 2010 10:08 am

vedi 1 sogno notte del 16 marzo 2010
http://archiviodeisogni.forumattivo.com/sogni-f3/diario-dei-sogni-t11-30.htm#114

per comodità di lettura lo riporto:

Sono con mio fratello e stiamo combattendo contro dei nemici.
Il luogo è molto strano: si tratta di una sorta di foresta pietrificata-fossilizzata.
Gli alberi e le altre cose però non sono di semplice pietra, ma sono ricoperti di tutti i minerali quarzi e pietre esistenti.
Il posto è molto freddo come clima.
Dopo che sconfiggiamo l'ultimo gruppo sento come una sorta di energia senziente potentissima che ci colpisce e mi ritrovo separata da mio fratello.
Sono da sola.
Sempre all'interno della foresta ma in un posto dove tutto è ricoperto di cristallo azzurro ghiaccio.
In lontananza vedo innumerevoli esseri di cristallo senzienti che si avvicinano.
Sono tutti di colore arancione e di forma stretta e allungata, quella forma a bastoncino sfaccettato in cui si sviluppano naturalmente e ad agglomerati i cristalli di quarzo.
Sono tantissimi, e si avvicinano cercando di circondarmi.
Li percepisco come una minaccia, dopotutto mi hanno separata dal fratellone, e così decido che un'azione preventiva è la cosa migliore da fare.
Li colpisco quindi con la mia magia ma con grande stupore mi accorgo di non avergli fatto nulla.
Cambio quindi tipo di incantesimo e colpisco di nuovo.
Non sortisco nessun effetto nemmeno stavolta e i cristalli continuano ad avvicinarsi per volermi circondare.
In quello ho una visione di mio fratello che si trova nella stessa identica situazione, solo che lui è in un altro posto della foresta e si ritrova ad affrontare dei cristalli di colore azzurro ghiaccio.
Provo a colpirli di nuovo con un terzo tipo di magia ma non succede niente nemmeno stavolta: con mio grande sgomento capisco che sono immuni ai miei poteri.
Penso che sia assurdo ritrovarsi a cadere così senza poter fare nulla, sono anche in ansia per mio fratello, detesto questi cosi per averci separati, spero che almeno lui riesca a cavarsela.
Vorrei che almeno lui fosse al sicuro.
In quel momento mio marito mi sveglia, mi rendo conto che è in stato di dormiveglia ed agisce d'impulso, deve avermi sentita lamentare durante il sonno.
Mi abbraccia e con dolcezza mi fa:
"Amore non ti preoccupare, io ti proteggerò sempre."
Mi accarezza e mi da un bacino sulla guancia.
Poi stamattina mi dirà che non ricorda nulla di ciò ma che molto probabilmente l'ha fatto d'impulso (spesso mi dice delle cose nel dormiveglia ^^)

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

il mondo ghiacciato

Messaggio  Brynn Andersen il Ven Mar 19, 2010 11:51 am

Stanotte (19 marzo 2010) ho sognato un mondo completamente ricoperto dai ghiacci.
http://archiviodeisogni.forumattivo.com/sogni-f3/diario-dei-sogni-t11-30.htm#120
Ero indecisa se riportarlo qui poichè poi ho scoperto che un posto con un nome simile esiste nella mitologia nordica e in molti giochi di ruolo online.
A questo punto la domanda è: come facciamo a sapere quali informazioni oniriche sono "genuine" e quali invece sono rielaborazioni di informazioni recepite e archiviate in maniera inconscia?
E' un bel problema secondo me, anche perchè a mio avviso il sogno è già di per sè una rielaborazione della mente o dell'anima.
Il punto focale a mio avviso è capire in che percentuale le informazioni sono "nuove".
Voi che ne pensate?
Comunque ecco per comodità il sogno ^^

Sto combattendo contro dei nemici, sono con mio fratello e siamo su un mondo ghiacciato, so che si chiama Nephilim o Neflim o Niflem o qualcosa di simile (nel sogno mi sfugge la corretta pronuncia, ha un nome strano).
Il mondo è completamente ricoperto dai ghiacci e sta nevicando, fa molto freddo anche se c'è molta luce (il ghiaccio la riflette facendola sbrilluccicare).
So che mio fratello è arrivato prima di me, io l'ho raggiunto dopo (ovviamente non ho la minima idea di come ho fatto) per dargli una mano, anche se forse non ce ne sarebbe stato bisogno: so che se la sa cavare da solo, ma volevo fargli una sorpresa.
So anche che è stato contento di vedermi.
Continuiamo a combattere come un'ottima squadra per tutta la durata del sogno: è impegnativo ma sono felice.

Nota: cercando in internet delle parole simili al nome del luogo ho trovato con stupore che esiste veramente un mondo ghiacciato con un nome molto simile, si tratta del Niflheim. Esso è citato nella mitologia nordica e si trova nelle mappe di diversi giochi di ruolo on line. Forse a suo tempo ho recepito l'informazione senza accorgermene e in onirico l'ho rielaborata.
Comunque una delle immagini trovate in rete è questa: il luogo del sogno è praticamente identico. solo che stava nevicando (pur essendoci luce).

1 solo sogno:

Brynn Andersen

Messaggi : 439
Data d'iscrizione : 11.02.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

foresta con grande casa diroccata con tante stanze...

Messaggio  unicorno73 il Mer Giu 02, 2010 3:20 pm

L'ho sognato spesso, e la cosa strana e' che c'era tanta ma tanta gente che ci passava per quelle stanze.
Allora, c'e' una stradina che passa a un lato del bosco, una stradina non asfaltata, poco piu' grossa di quelle di montagna. La vegetazione e' fittissima, ma nel folto del bosco c'e' una grande costruzione, pare un palazzo, mezzo diroccato in parte, in parte vecchio e molto usato, alcune stanze sono in legno, e ci sono cunicoli e passaggi. C'e' sempre la nebbia e il cila è umido, pare sempre autunno o inverno.Tanta gente ci arriva e ci si ritrova non so perchè.
avatar
unicorno73

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 02.06.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Mappa del mondo onirico

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum